Terrestre o divino?

Al supermercato per la spesa, ho ancora una volta realizzato come abbiamo rimpinzato scaffali e pance, certo non di tutti, tenendoci raso terra con interessi e passioni. Quando la pancia è sazia, stracolma, il ventre striscia per terra, il pensiero fatica ad alzarsi, vediamo solo il pavimento stradale, nemmeno la terra perché ne abbiamo così poca ormai e camminiamo su asfalto per non sporcarci le suole.

Dimentichiamo da dove siamo venuti e dove siamo destinati ad arrivare.

Noi e con noi il Creato.

Grigio il suolo, grigio l’animo, spalle curve, piegate a osservare dove mettiamo i piedi. Le ali, che abbiamo, le teniamo ripiegate fino a che s’incollano, piume su piume, e il volo, non più meta né desiderio, diventa mpossibile sempre più.

Da esseri celesti, ci siamo tramutati in esseri terrestri, abbiamo ridotto l’infinito che ci è stato donato, a una prigione finita e frusta, neppure sappiamo tenerla in ordine, la viviamo come semplice riparo da sfruttare, le sue bellezze nascoste da muri di vergogna, imbrattati di nero, di rosso, di sporco e di sangue.

Fino a quando vivremo così, come gli uomini trasformati in maiali da Circe, dimentichi della nostra natura di creatura umana colorata di divino?

Dimmi cosa ne pensi, te ne sarei grata.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...