Quanta edera!

Oggi ho cercato di dar luce al giardino.

Quanta edera!

Si intrufola

si abbarbica ovunque

tenace e subdola

striscia nascosta

sostituisce l’erba stessa

si avvinghia al tronco

soffoca come serpente.

 

Tutto perché il mio piede

non scende più sul prato a camminare

adocchiando le sue infide mani – tenaglie.

Così nel silenzio e nell’ombra l’edera si fortifica.

 

 

Mi fa pensare

al nostro Io profondo:

lasciato chiuso

in dimenticatoio

se non si dà aria a ciò che immagazzina

nel silenzio-buio

si creano tralci di edera aggrovigliata

complicano tutto

fanno marcire il buono

lasciano crescere erbe infestanti.

 

Il nostro essere è fatto per aprirsialla luce

lasciare entrare la vita.

Prati aperti  illuminati

per crescere

fortificarsi.

Chiede di espandersi

come chioma d’ albero.

 

Alla luce

al vento

si alza

ondeggia

fiorisce e si fa bella.

La chioma cerca il cielo

guarda l’azzurro.

l-edera_O1

Dimmi cosa ne pensi, te ne sarei grata.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...